Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
24 ottobre 2012 3 24 /10 /ottobre /2012 08:18

Alessio.jpg

 

 

Soffre il Barcellona; soffre il Bayern; soffre il Madrid, e il City di Mancini è quasi fuori. Probabilmente è nel destino delle grandi squadre incasinarsi la vita; di certo è nel nostro, che da trenta tiri in porta siamo stati capaci di ricavare la miseria di un 1-1 in casa di volenterosi dopolavoristi danesi. Il risultato è pessimo, e ciononostante il Chelsea è solo a -1, grazie alla sconfitta esterna con lo Shakhtar (a proposito, non male questa squadra), e quindi non tutto è perduto. Ci attendono due gare in casa da vincere ad ogni costo, ma urge qualche cambiamento, sia nella disposizione tattica, sia negli uomini. Il 3-5-2 continua a non sembrare adatto all'Europa, o quantomeno andrebbe ripensato per far fronte a squadre che attaccano con una sola punta e tre trequartisti, e poi, vedere gli eroi di campionato Pogba e Caceres far flanella in panchina è stato un vero strazio, considerati i traccheggi di Vidal e Marchisio soprattutto nel primo tempo, e tre lungagnoni dietro, Lucio Bonucci e Chiellini, tanto sfaccendati in fase difensiva quanto inutili in impostazione. Oltretutto, un 4-4-2 o un 4-3-3, con qualche esterno in più, avrebbero anche (forse) rifornito meglio un Matri decisamente poco coinvolto dalla manovra.

Certo, se Giovinco non avesse il piede storto, sarebbe anche potuta finire 3 o 4 a 1, ma non bisogna attaccarsi alla sfortuna. In Champions non c'è tempo per le lamentele: se sbagli sei fuori.

Condividi post

Repost 0
Published by Doyle - in sport
scrivi un commento

commenti