Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
14 dicembre 2010 2 14 /12 /dicembre /2010 17:46

The-Big-4-Live-DVD

 

 

 

 

Un eccellente maxiconcerto in DVD\Blu-Ray questo “Big 4” catturato in versione full digital a Sofia in uno stadio Levski pieno all'inverosimile, in occasione del Sonisphere Festival del 22 giugno scorso; Slayer, Megadeth, Anthrax e Metallica sono quattro pilastri dell'heavy metal e ritrovarseli sullo stesso palco non è cosa da poco, dopo 25 anni di carriera quasi in parallelo. Non sono ragazzini, ma non credo nemmeno sia il caso di parlare di vecchie glorie, anzi, la risma di questi musicisti salta all'occhio fin dal primo secondo. Dave Mustaine nel backstage avrà anche un'aria un po' imbalsamata, ma con la chitarra in mano torna il cane rabbioso che tutti conosciamo, e da come domina la scena incurante della pioggia durante l'esibizione dei Megadeth si capisce bene per quale motivo non sia potuto rimanere a lungo un membro dei Metallica: uno così fa ombra a chiunque; la nuova incarnazione dei 'deth in ogni caso non ha nulla da invidiare al quartetto che produsse “Rust in Peace” e “Symphony of Destruction”, e Chris Broderick tra parentesi entra di diritto nella classifica dei metallari più fichi del pianeta.

Gli Anthrax con le loro facce da italiani ritrovano al microfono Joey Belladonna, il cui range vocale è solo l'ombra di quello che ricordavamo nei gloriosi anni di “Spreading the Disease”, ma lo show è degno di merito, e i vecchi classici riprendono vita in modo impressionante, con l'aggiunta di uno spezzone di “Heaven & Hell” con tutto lo stadio sull'attenti in memoria dello scomparso Ronnie James Dio.
Sugli Slayer difficile non ripetersi; sono come un carro armato, Kerry King e Jeff Hanneman formano la coppia di chitarristi ritmici più potente e compatta in circolazione, Tommy Araya sa ancora ruggire da par suo, e poi c'è Dave Lombardo, lo spettacolo nello spettacolo, uno dei migliori batteristi del mondo: se volete una band che non cerca compromessi, e che dal vivo può radere al suolo qualsiasi cosa, eccoli qui. Certo nel loro caso si poteva sperare in un mixaggio migliore, ma l'impatto complessivo è comunque notevole.

E poi ci sono i Metallica, che scoppiano di salute e dominano la scena con due ore di concerto tiratissimo; piaccia o no, bisogna dare atto a questi quattro di aver portato la bandiera dell'heavy metal su un altro livello, trascinando letteralmente di peso tutto il movimento: senza di loro, di sicuro un evento così monumentale non avrebbe mai avuto luogo, considerando che lo spettacolo, oltre che stampato in milioni di copie in formato digitale, è anche stato proposto in 800 cinema in tutto il mondo. E a simboleggiare meglio di qualsiasi altra cosa questo potere trainante, è proprio l'evento storico che si realizza negli ultimi minuti dello spettacolo, il grande momento Spinal Tap, quando tutti vengono invitati sul palco per unirsi ai Metallica con “Am I Evil”, vecchio cavallo dei Diamond Head, e davvero, sentire Rottweiler Mustaine che grugnisce “Am I evil? Yes I am!” dopo anni di faide è qualcosa di straordinario.
Spassoso il documentario, tre quarti d'ora in giro per il backstage, con un rilassato Dave Ellefson, poco abile con le previsioni del tempo, Rob Caggiano che si rammenda i jeans, Dave Mustaine in accappatoio che offre birre e farfuglia delle cose, i Metallica che firmano autografi, un tizio con un mostruoso tatuaggio a tutta schiena dedicato a Kerry King, un po' di prove per “Am I evil” e altre amenità.

Per i più spendaccioni c'è anche un cofanetto con il concerto proposto sia in video che in cd, e qualche bonus all'interno, un ricco libretto e il plettro griffato Big 4, ma credo che la versione solo video basti e avanzi.

Condividi post

Repost 0
Published by Doyle - in music
scrivi un commento

commenti