Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
13 agosto 2013 2 13 /08 /agosto /2013 12:24

Bolt-Mosca13.jpg

 

Doveva essere una gara facile, senza tre mammasantissima come Gay, Blake e Powell. Invece la pioggia battente, e quel mastino di Justin Gatlin, hanno quasi (dico quasi) normalizzato il campione dei campioni. Bolt ha dovuto stringere i denti e arrivare ai cinquanta metri per mettere il naso davanti a tutti, e soprattutto, l'abbiamo visto una volta tanto spingere rabbiosamente fino all'ultimo per tenersi alle spalle un Gatlin ormai tornato ai livelli di un tempo.

Il risultato è che Bolt arraffa l'ennesimo oro e per di più con un crono stellare: 9''77 sul bagnato, su quel bagnato, non si era mai visto, e ha un bel dire Stefano Tilli dai microfoni Rai quando nota che le frequenze del fenomeno non sono più come quelle di Pechino. Non è Formula Uno questa, le gomme sono solo slick, e ci si deve arrangiare. E a proposito, cartellino rosso alla Rai, e a un Bragagna stranamente soporifero, per averci fatto vedere la gara più importante dei campionati sul canale sport, mentre in HD andava in onda il solito stupido quiz. Basta farsi un giro per Youtube per accorgersi che, per esempio, in alta definizione la pioggia si vedeva eccome, l'avrebbe vista anche Tilli, ma è chiaro che il buon senso in Viale Mazzini si è estinto da tempo.

Condividi post

Repost 0
Published by Doyle - in sport
scrivi un commento

commenti